Il Castello Utveggio

Il Castello Utveggio è parte integrante dello “skyline” di Palermo, però a differenza delle grandi città dove ci sono i grattacieli a caratterizzarlo, noi abbiamo qualcosa di unico e singolare: un gran bel edificio in stile liberty. Arroccato su Monte Pellegrino sorveglia la nostra città dall’alto (promontorio che Goethe definì come il più bello del mondo), con il suo ormai familiare colore rosa pallido.

La sua destinazione non è mai stata militare, nonostante sia abitualmente chiamata “castello”. La costruzione fu voluta da Michele Utveggio, mentre il progetto era di Giovan Battista Santangelo. I lavori iniziano nel 1928 e l’opera, benchè fosse molto complessa fu completata in cinque anni. Il cavaliere Utveggio si occupò oltre che della costruzione della struttura, anche della creazione della strada di collegamento. Quindi nel 1933 si inaugura il Grand Hotel Utveggio, questa infatti fu la sua iniziale destinazione, struttura unica e tra le più moderne dell’epoca, l’hotel sfruttava lo stupendo panorama che offriva la sua peculiare posizione, poichè poteva vantare una vista unica affacciandosi da una parte sul mare, e dall’altra sulla rigogliosa natura di Monte Pellegrino. 

La guerra che arrivò inesorabilmente pochi anni dopo segnò il declino della struttura, fu occupata sia dalle truppe fasciste che da quelle alleate, e successivamente rimase in stato d’abbandono, fino a quando il CERISDE ha provveduto a dargli nuova vita insediando lì il suo ente. Nonostante tutto, nella sua “giovane” vita il nostro Castello può vantare un ospite d’eccellenza, Papa Giovanni Paolo II, che nella sua visita a Palermo è stato ospite di una delle stanze del castello. Adesso la struttura di proprietà della Regione Sicilia, non è in funzione, e l’amministrazione sta cercando una soluzione per restituirla alla collettività.

Advertisements
Castello Utveggio
Castello Utveggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *