Il ritratto di Franca Florio resta a Palermo, acquistato per una cifra record dai mecenati marchesi Berlingieri

Il ritratto di Franca Florio è un dipinto olio su tela, iniziato nel 1901 ma ultimato definitivamente dall’autore Giovanni Boldini nel 1924. Ignazio Florio nel 1901 commissionò l’opera all’artista ferrarese Giovanni Boldini, che si era distinto negli anni ritraendo la mondanità parigina di quel tempo. Per questo motivo, chi meglio di Boldini poteva secondo Ignazio Florio, esprimere al meglio la bellezza ed eleganza della moglie Franca?!
Purtroppo durante l’anno di completamento dell’opera, il casato dei Florio stava subendo un periodo negativo per la sua economia e per questo motivo non riuscì ad acquistare l’opera.

L’opera di sicura importanza girò il mondo, fu esposta la prima volta alla Biennale di Venezia del 1903 quando ancora non era completata, tuttavia Boldini si trovò costretto a vendere il ritratto visti i problemi di natura economica per il casato dei Florio. Quindi il dipinto venne venduto (tra 1927 e 1928) al Barone Rotschild, che la porto con sé in America.

Advertisements

Da quel momento la tela passò in altre mani nel 1995, quando i discendenti del Barone Rotschild la misero in vendita, successivamente nel 2005 venne battuta all’asta da Sotheby’s a New York ed acquistata per una cifra di 800 mila euro dalla società Acqua Marcia di Francesco Bellavista Caltagirone; proprietario di diversi Hotel di lusso in Sicilia, la tela quindi ritornò a Palermo, e venne esposta al grand hotel Villa Igiea (antica residenza dei Florio), struttura che  la società di Francesco Bellavista Caltagirone acquistò negli anni ’90 con il Gruppo Acqua Marcia.
La società Acqua Marcia di Caltagirone nel 2017 fallisce, e quindi nelle procedure di liquidazione degli arredi artistici e antiquariali degli alberghi della società, la tela viene messa nuovamente all’asta. (ne avevamo già parlato)

L’OPERA RESTA A CASA 
La paura di perdere un’opera così importante è stata tanta, l’acquisto magari di un privato poteva portare fuori da Palermo e probabilmente anche dall’Italia il dipinto di Boldini, ma è notizia recente che questo non accadrà.
Infatti il quadro è stato acquistato dai mecenati marchesi Berlingieri e sarà esposto nel loro meraviglioso Palazzo Mazzarino in via Maqueda, palazzo restaurato di recente proprio dalla coppia di marchesi. Grazie allo sforzo economico di 1,133,029 Euro, il rischio di vedere il dipinto di Franca Florio andare lontano dalla sua terra di origine è praticamente sparito, adesso si attende di sapere quando sarà possibile ammirare l’opera di Giovanni Boldini raffigurante una delle donne più importanti della Sicilia, chiamata anche “Regina di Sicilia”.

 

 

 

Condividi questo articolo e fallo conoscere ai tuoi amici

Gli utenti di TripAdvisor votano le arancine, ecco i migliori luoghi dove mangiarle...
Progetto "Casa Florio", l'eredità dei Florio continua