Per la costruzione del Teatro Massimo, furono distrutti importanti edifici sacri e non solo

Per giungere alla costruzione del più grande teatro lirico d’Italia e tra i più grandi d’Europa, terzo per ordine di grandezza architettonica dopo l’Opéra National di Parigi e la Staatsoper di Vienna, Palermo dovette perdere edifici importanti giacenti in quella posizione da molto tempo.
Il Teatro Massimo Vittorio Emanuele, sorge sulle ceneri della Chiesa delle Stimmate con annesso monastero e la Chiesa di San Giuliano, edifici posizionati nelle vicinanze dell’attuale teatro.
Chiesa e convento furono fondati nel 1602 da donna Imara Branciforti, gli edifici si trovavano occupavano l’ultimo isolato della via Maqueda, la chiesa mostrava degli intagli e delle statue, l’altare maggiore originariamente con custodia in pietre dure venne poi sostituito nel 1828 con un altare “alla moderna” neoclassico. Una chiesa di sicuro valore, con un interno a navata sostenuto all’ingresso da due colonne, all’interno vi erano dei bellissimi stucchi di Giacomo Serpotta, dopo il 1866 il comune di Palermo, decide di abbatterlo per dare spazio al grande teatro che pochi anni dopo sarebbe sorto, a sottolineare la sua ricchezza, basta pensare che uno degli altari in lapislazzuli, ricchissimo, si trova oggi in Cattedrale nella cappella di S. Agata.
La prima pietra per la costruzione della Chiesa di San Giuliano, venne posta il 9 Marzo del 1679, venne completata nel 1756, sulla facciata della chiesa erano presenti intagli e statue, l’edificio inoltre possedeva una grande cupola (la più grande della città), mentre l’architettura interna era di ordine corinzio.
Pochi giorni dopo l’inizio dei lavori del Teatro Massimo, la Chiesa di San Giuliano cominciò a cadere sotto i colpi dei demolitori, anche questi edifici furono rasi al suolo per dare vita allo splendido teatro, che fu edificato tra il bastione di San Vito e la Porta Maqueda anch’essi distrutti insieme ad un altro edificio Sacro; la chiesetta di Sant’Agata li scorruggi.

Demolizione di chiesa e monastero delle stimmate e chiesa di San Giuliano
Demolizione di chiesa e monastero delle stimmate e chiesa di San Giuliano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *