C’ERA UNA VOLTA A PALERMO: L’ANTICO SERVIZIO POSTALE

C’ERA UNA VOLTA A PALERMO: L’ANTICO SERVIZIO POSTALE

La più antica notizia documentata sul servizio postale in Sicilia risale all’anno 1549. In questo anno, infatti, Don Francesco Zappata ebbe in concessione dall’Imperatore Carlo V l’Ufficio con il titolo di “Maestro delle Poste del regno di Sicilia“.
Nel 1624, questo Ufficio passò per eredità a Donna Vittoria De Tassis, la quale lo ebbe in “perpetuo“ per se ed i propri discendenti di sangue. Per avere tale concessione la nobildonna sborsò in tre rate 49.000 ducati castigliani. Una clausola specificava che la Corte Regia si riservava il diritto di riscattare tale Ufficio rimborsando però l’intera somma. Nel 1738, sempre per successione, questo Ufficio passò a Donna Vittoria Di Giovanni e Pagano, dotatario fu il marito Fabrizio Alliata e Colonna, principe di Villafranca. Il servizio postale veniva effettuato per mezzo di corrieri “a cavallo“ oppure “a vetture“ che recapitavano lettere e plichi in ogni luogo della Sicilia. La più antica sede dell’Ufficio delle poste a Palermo fu nel palazzo Marchese nel “Piano di Cattolica“.

Advertisements

Un vicolo nei pressi, denominato “dei Corrieri“ ed il cortile “della Correria Vecchia“ sono rimasti a ricordo. L’intera zona fu denominata dai palermitani “Correria Vecchia“. Nel 1734, questa sede fu trasferita nel palazzo dei Villafranca a piazza Bologni. Qui rimase fino al 1786, anno in cui l’Ufficio fu riscattato dalla Regia Corte perciò divenne governativo. L’Ufficio fu trasferito in via Maqueda, vicino la chiesa di San Cataldo.

Nel 1875, l’Ufficio delle Poste si trasferì nuovamente a piazza Bologni nella chiesa del convento del Carminello che fu riadattata per tale uso. Qui vi rimase sino al 1936, anno in cui fu trasferito nell’attuale sede di Via Roma. (Santi Gnoffo, Ricerche varie)

 

Condividi questo articolo e fallo conoscere ai tuoi amici

Video, Palermo città meravigliosa, la nostra meraviglia in un video
La Palermo sconosciuta - IL CIMITERO DI SANTA MARIA DEL FIUME