Giovan Battista Filippo Basile, il genio che ha cambiato Palermo

I Basile sono stati dei celebri architetti italiani, padre e figlio hanno contribuito alla bellezza architettonica che ci circonda. Giovan Battista Filippo Basile nasce a Palermo nel 1825 da famiglia modesta.  A Roma segue dei corsi di matematica idraulica e costruzioni, e di disegno. Contemporaneamente si dedicò ai rilievi dei monumenti antichi e nel 1860 fu garibaldino. Gli ideali del Basile, volti ad una Italia unita, si fusero con quelli tipicamente Giobertiani ed a quella che è la filosofia di Ruskin per quanto concerne i monumenti ed il messaggio architettonico. Ciò comunque si scontrava con la sua educazione tipicamente classicista. Le prime opere sono ispirate all’architettura siculo-normanna come i camposanti di Caltagirone e di Monreale ed il progetto di Museo per Atene. Basile porta in alto il nome di Palermo, è considerato un’eccellenza sia in Italia che in Europa, viene nominato professore di architettura decorativa e composizione presso l’università di Palermo, e contemporaneamente capo dell’ufficio edile del comune. Gli vengono affidati numerosi incarichi, risistema Piazza Pretoria, progetto che porta avanti con figure di spicco dell’epoca come Damiani e Patricolo.

Nel frattempo progetta anche edifici privati, esempio ultimo è il Villino Favaloro, completato dal figlio Ernesto che inserisce la torre ottagona. A Giovan Battista dobbiamo il Giardino Inglese, polmone verde di via Libertà, e Villa Garibaldi realizzato tra il 1861 e il 1864 a piazza Marina a Palermo, nel quartiere della Kalsa ed intitolata a Giuseppe Garibaldi proprio per celebrare la nascita della nazione Italiana, da poco avvenuta. All’interno si trova anche il maestoso Ficus macrophylla che è sicuramente l’attrazione principale essendo considerato uno dei più vecchi e grandi d’Italia. Il progetto però a cui siamo sicuramente più affezionati e che è il più rappresentativo è quello del Teatro Massimo di Palermo. Il Basile partecipa nel 1864 al progetto per la realizzazione del teatro, e vince il primo premio nel 1868. La costruzione inizia nel 1875 e viene interrotta varie volte. La costruzione è terminata dal figlio Ernesto nel 1897.

Advertisements

Altre opere progettate dal Basile sono: la Villa Vittorio Emanuele a Caltagirone, la facciata del cimitero comunale di Santa Margherita di Belice e la facciata  del padiglione italiano alla Esposizione universale di Parigi nel 1889. Giovan Battista Filippo Basile muore nel 1891, ed è sepolto nella tomba di famiglia presso il Cimitero dei Rotoli a Palermo. La sua opera ha mutato notevolmente Palermo ed il suo genio è universalmente riconosciuto tra i grandi dell’architettura.

 

Tutte le foto presenti all’interno dell’articolo sono state gentilmente concesse da Massimiliano Serrago.


ph Massimiliano Serrago

ph Massimiliano Serrago

ph Massimiliano Serrago

ph Massimiliano Serrago

ph Massimiliano Serrago

Condividi questo articolo e fallo conoscere ai tuoi amici

Architettura moderna a Palermo, ecco cosa vedere assolutamente
Ai caduti nella lotta conto la Mafia, il monumento che li ricorda