la storia del Monte dei Pegni di S. Rosalia ci insegna cosa era “L’indennità della scimmia”

Cosa era “l’indennità della scimmia?” Riguarda la storia del Monte dei Pegni di S. Rosalia (dei tessuti). Nelle alte scaffalature di legno potevano arrampicarsi solo uomini dal fisico adatto: piccoli ed agili come le scimmie. Ad essi veniva corrisposta un’indennità, chiamata (per tale ragione) “della scimmia”. Il Monte dei Pegni dei tessuti è un’area del cinquecentesco Palazzo Branciforte Raccuja, che si trova in Via Bara All’Olivella, 2.

La famiglia Branciforte la aveva affittata al Senato palermitano, il quale (dotandola di scalette interne e scaffalature in legno) ne fece il luogo per i ricchi corredi e i tessuti lasciati in pegno.
Il Monte dei Pegni di S. Rosalia ed il Palazzo Branciforti subirono un incendio provocato dai colpi dei cannoni durante i moti del 1848 contro i Borboni ed altri danni durante i bombardamenti del 1943.
Andarono dunque in fumo anche le strutture in legno del Monte dei Pegni dei tessuti, nonché stoffe, materassi e quant’altro e distruggendo quindi pure gli averi di chi aveva lasciato i propri beni nel luogo.

Il 30 dicembre 2005 il Palazzo Branciforte, compreso il Monte dei Pegni di S.Rosalia, è stato acquisito dalla Fondazione Banco di Sicilia, attualmente Fondazione Sicilia. Il sito è visitabile dietro pagamento di un ticket.

Autore: Giusi Lombardo

Condividi questo articolo e fallo conoscere ai tuoi amici

Advertisements
Piazza XIII vittime, per non dimenticare
La Chiesa degli "sbirri", in piazzetta dei Tedeschi