Ricetta culinaria: le panelle

Le panelle sono un piatto tipico della cucina siciliana, insieme alle arancine, ai cazzilli e ai calzoni e fanno parte del tipico Street Food Palermitano. A Palermo è possibile trovarle ovunque, dal venditore ambulante al miglior ristoratore. La panella è in pratica una frittella di farina di ceci e viene servita spesso in mezzo alle Mafalde con sale, pepe e limone e spesso mangiate insieme ai cazzilli. Ma adesso vediamo insieme la ricetta per le panelle e come procedere.
Ingredienti per circa 40 panelle:

  • 500 gr di farina di ceci
  • 1,5 l di acqua
  • Prezzemolo
  • Sale
  • Pepe
  • Olio di semi

Procediamo insieme. Versiamo in una ciotola capiente tutta l’acqua e aiutandoci con un setaccio, aggiungiamo a poco a poco tutta la farina di ceci, mescolando continuamente con una frusta, fino a farla incorporare con l’acqua. Attenzione non fate il contrario poichè aggiungendo l’acqua alla farina di ceci, potremmo creare dei grumi molto difficili da eliminare. Alla fine dobbiamo creare una pastella liquida e morbida. Saliamo e pepiamo la pastella a piacimento e poi inseriamo il composto in una pentola. Cuociamo la pastella per le panelle a fuoco medio mescolando continuamente con la frusta. Quando inizia a bollire, cuociamo l’impasto per circa 10 minuti. Vedrete e sentirete cambiare il vostro impasto sotto le mani poichè diventerà molto denso e non riuscirete più a mescolarlo. A fine cottura, aggiungiamo il prezzemolo e mescoliamo ulteriormente per poi colare l’impasto o su una lastra di marmo oppure su dei piatti di ceramica, così che l’impasto si solidifichi velocemente e si possano friggere prima. Ovviamente non esiste uno spessore standard. Dopo il riposo tagliamo l’impasto e dopo aver riscaldato l’olio di semi, friggiamo le panelle per circa 2-3 minuti. A fine cottura, adagiamole sulla carta assorbente per togliere l’olio in eccesso. Potete mangiarle calde, dentro un panino oppure senza nulla, magari condendole solamente con qualche goccia di limone.

Advertisements

Buon appetito

 

Condividi questo articolo e fallo conoscere ai tuoi amici

Sua maestà "u cacocciulu cà tappa ri l'uovu"
Ricetta culinaria: i cazzilli palermitani